Cerca English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
domenica 20 maggio 2018 ..:: Consorzi bonifica, proposta Flai Fai Uila ::.. Registrazione  Login
 Text/HTML Riduci


 Stampa   
Navigazione Sito

 Links Riduci


  
 Consorzi di bonifica Riduci

Consorzi di bonifica siciliani, Flai Fai Uila ripropongono la propria piattaforma

Con una lettera inoltrata alla Presidenza della Regione Siciliana e ad altre autorità, le segreterie regionali di Flai-Cgil, Fai-Cisl e Filbi-Uil, ribadiscono la proposta unitaria sul riordino dei Consorzi di bonifica presentata due anni fa e che, se approvata, avrebbe eliminato il contenzioso in corso tra consorzi e lavoratori, e, oggi, avrebbe consentito alle strutture di essere pienamente operative. Di seguito la lettera e, in calce, la proposta.

SEGRETERIE REGIONALI SICILIA
Flai-Cgil, Fai-Cisl e Filbi-Uil
 
Palermo, 13 aprile 2018
 
Prot. U/1/51/04/18
 
- Al Presidente della Regione Siciliana
- All'Assessore Regionale dell'Agricoltura dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea
- Ai Presidenti dei Gruppi Parlamentari A.R.S.
- Al Commissario Straordinario del Consorzio di Bonifica Sicilia Occidentale
- Al Commissario Straordinario del Consorzio di Bonifica Sicilia Orientale
- Al Direttore Generale del Consorzio di Bonifica Sicilia Occidentale
- Al Direttore Generale del Consorzio di Bonifica Sicilia Orientale
 
Loro Sedi
 
Oggetto: Proposta sindacale riordino Consorzi di Bonifica
 
Le scriventi Segreterie Regionali Vi ribadiscono la proposta unitaria sul riordino dei
Consorzi di Bonifica della Sicilia, presentata circa due anni fa che, se opportunamente
approvata da parte della Regione Sicilia, avrebbe eliminato il contenzioso in corso tra i vari
Consorzi e i lavoratori, ma soprattutto oggi i Consorzi sarebbero nella possibilità di poter
pienamente operare.
 
Quindi, visti i problemi emersi con l'approvazione del famigerato art. 8, comma 1
della Legge 16/2017, sarebbe opportuno un pronto e immediato intervento legislativo che
ponga un definitivo rimedio alla questione e che tracci, quindi, in maniera definitiva e
giuridicamente sostenibile, le modalità che i Consorzi dovranno utilizzare ai fini
dell'assunzione del personale in questione, e precisamente vi riportiamo integralmente la
parte relativa al personale in cui proponevamo:
 
"In caso di posti vacanti nei POV, i Consorzi
procederanno alla trasformazione del rapporto di lavoro a tempo indeterminato dei
lavoratori 151^, 101^ di cui alle LL.RR. n° 4/2003 e n° 4/2006 della fascia garanzia
occupazionale nonché alla stabilizzazione del personale di cui all’ art. 3 della LR 76/95,
L.R. 16/2006, L.R. 67/1988 e L.R. 85/1995; I lavoratori 51^ di cui alle LL.RR. n° 4/2003,
n° 4/2006 e n° 14/2010 effettueranno un minimo di 151 giornate lavorative ai fini
previdenziali. Ai lavoratori che non troveranno collocazione all'interno dei POV, si
applicano le procedure del TURN OVER di cui alla LR 45/95 sulla base delle esigenze
funzionali ed organizzative e delle caratteristiche dei nuovi comprensori di bonifica, tenuto
conto del Consorzio di provenienza.”
 
Pertanto, Vi ribadiamo che tale proposta, se opportunamente accolta, è il presupposto
per il rilancio dell'attività della bonifica e che dà certezza ai lavoratori.
In attesa di positivo riscontro e disponibili ad un immediato confronto sulla proposta
proposta e su eventuali modifiche migliorative, si porgono Distinti Saluti.
 
A. Mannino Flai-Cgil
P. Manca Fai-Cisl

V. Savarino Filbi-Uil

LA PROPOSTA SINDACALE SOTTOPOSTA AL GOVERNO REGIONALE


 Stampa   
   Riduci

Verso il congresso

Flai-Cgil

Tutti i documenti

congressuali

CLICCA QUI


 Stampa   
Copyright (c) FLAI CGIL CATANIA   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2018 by DotNetNuke Corporation